I sostenitori del Premio Mario Lattes per la Traduzione 2024

La terza edizione del Premio biennale Mario Lattes per la Traduzione, realizzato dalla Fondazione Bottari Lattes, si svolge: in collaborazione con Associazione Castello di Perno Università degli Studi di Torino   con il contributo e sostegno di Comune di Monforte d’Alba   con il sostegno di Banca d’Alba Fondazione CRT    con il patrocinio di Confindustria Cuneo Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo

I finalisti del Premio Mario Lattes per la Traduzione 2024

I finalisti della terza edizione sono Alberto Bile Spadaccini, Ilide Carmignani, Maria Nicola, Raul Schenardi e Giulia Zavagna Sabato 29 giugno la premiazione condotta da Petunia Ollister al Castello di Perno   Cartella stampa Sarà annunciato sabato 29 giugno 2024, nel corso della cerimonia di premiazione al Castello di Perno (Cn), il nome del vincitore della terza edizione del Premio Mario Lattes per la Traduzione. I finalisti sono Alberto Bile Spadaccini con Il Gran Burundún-Burundá è morto di Jorge Zalamea (Colombia, edito da Arcoiris), Ilide Carmignani con Lutto di Eduardo Halfon (Guatemala, edito da il Saggiatore), Maria Nicola con Le pianure di Federico Falco (Argentina, edito da Sur), Raul Schenardi con Fra le tue dita gelate di Francisco Tario (Messico, edito da Safarà) e Giulia Zavagna con Chiamatemi Cassandra di Marcial Gala (Cuba, edito da Sellerio). La terza edizione del Premio biennale Mario Lattes per la Traduzione, l’iniziativa della Fondazione Bottari Lattes che valorizza e mette in risalto il ruolo del traduttore, è dedicata alla lingua ispano-americana. La cerimonia di premiazione si terrà nel cuore delle Langhe e coinvolgerà le traduttrici, i traduttori e i giurati del Premio in una tavola rotonda coordinata da Stefania Soma, in arte Petunia Ollister. Saranno presenti inoltre alcuni dei traduttori di domani, studenti di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Torino, per interagire e confrontarsi con gli esperti. La cerimonia verrà trasmessa in streaming sulla pagina Facebook della Fondazione.   Come nelle due precedenti edizioni, dedicate rispettivamente alla lingua araba e al cinese, la selezione delle opere si è articolata in due fasi: in un primo momento la Giuria stabile, tenendo conto della capacità del traduttore di rendere in italiano la qualità letteraria del testo, ha individuato i cinque romanzi finalisti. Ora toccherà a una Giuria specialistica, esperta della lingua in oggetto, a valutare…

Read More

SOLIDARIETÀ A ROBERTO SAVIANO, ANTONIO SCURATI, LUCIANO CANFORA, EDOARDO CAMURRI E MARINO SINIBALDI

La Fondazione Bottari Lattes desidera esprimere solidarietà a Roberto Saviano, la cui trasmissione Insider è stata commissionata, annunciata e poi inspiegabilmente oscurata, a Luciano Canfora, citato in giudizio per le sue parole sulla presidente del Consiglio, ad Edoardo Camurri, la cui trasmissione Alla ricerca del ramo d’oro è stata chiusa nonostante gli accorati appelli, a Marino Sinibaldi, non confermato a capo del Centro per il libro e la lettura a seguito delle sue dichiarazioni durante la puntata di Dimartedì in cui si parlava di censura, e ad Antonio Scurati, per la cancellazione del suo monologo per il 25 aprile. La figura di Mario Lattes, perseguitato prima, impegnato in qualità di interprete a fianco degli alleati poi, intento nel dopoguerra a ricostruire la casa editrice e ad aprire le porte ad autori stranieri, a trasformare spazi di impresa in occasioni espositive, ad animare riviste, ad accompagnare i cambiamenti della scuola ponendosi accanto alle docenti e ai docenti nella riforma della scuola media e in tutte le sue successive trasformazioni, impone a chi per Statuto deve diffonderne la memoria, di non rimanere in silenzio in quella che ha tutta l’aria di essere una fase di oscurantismo intellettuale e di epurazione di voci giudicate scomode o poco accomodanti.   Nell’Incendio del Regio, nel 1976, Mario Lattes scriveva: “Siamo in un’epoca di transizione, questo sì però. È un’epoca di transizione, dicono. Ma, quello che non dicono, è dove si va e dove si viene. Perché ci sia transizione ci vuole destinazione e provenienza, mi pare. Dicono di transizione e basta, prendono un’aria misteriosa, rassegnata”.   Come collettività che anima una fondazione culturale, teniamo presente la provenienza da un Novecento che sembra voler tornare o non essere mai finito e ci sentiamo di dover cooperare ad una direzione plurale e democratica, lontana anni luce dalla…

Read More

Premio Lattes Grinzane 2024: i finalisti e il Premio Speciale

Nino Haratischwili (Georgia), Benjamín Labatut (Cile), Federica Manzon, Guadalupe Nettel (Messico) e Sandra Newman (USA) sono i finalisti della XIV edizione. Premio Speciale Lattes Grinzane 2024 ad Alessandro Baricco. Menzione della giuria a Alan Moore. Da Aosta a Messina, passando per Atene: 400 studenti di tutta Italia leggeranno i romanzi finalisti e il 12 ottobre voteranno il vincitore ad Alba. Il Premio Speciale terrà una lectio magistralis. Cartella stampa   Nino Haratischwili con La luce che manca (Marsilio, traduzione di Fabio Cremonesi), Benjamín Labatut con Maniac (Adelphi, traduzione di Norman Gobetti), Federica Manzon con Alma (Feltrinelli), Guadalupe Nettel con La vita altrove (La Nuova Frontiera, traduzione di Federica Niola) e Sandra Newman con Gli uomini (Ponte alle Grazie, traduzione di Claudia Durastanti) sono i finalisti del Premio Lattes Grinzane 2024, riconoscimento internazionale intitolato a Mario Lattes e organizzato dalla Fondazione Bottari Lattes, giunto alla XIV edizione, che fa concorrere insieme autori italiani e stranieri ed è dedicato ai migliori libri di narrativa pubblicati nell’ultimo anno. Il prossimo 12 ottobre ad Alba verrà annunciato il romanzo vincitore. Ad Alessandro Baricco viene conferito il Premio Speciale Lattes Grinzane, attribuito ogni anno a un’autrice o a un autore internazionale di fama riconosciuta a livello mondiale e che nel corso del tempo abbia ricevuto un condiviso apprezzamento di critica e di pubblico. Il Premio Speciale, così come gli autori dei cinque romanzi finalisti, sono stati individuati dalla Giuria Tecnica, composta dalla presidente Loredana Lipperini (scrittrice, giornalista, conduttrice radiofonica), Marco Balzano (scrittore, poeta, italianista), Valter Boggione (docente di Letteratura italiana all’Università di Torino), Anna Dolfi (docente di Letteratura italiana nelle Università degli Studi di Trento e Firenze), Alessandro Mari (scrittore, editor), Luca Mastrantonio (giornalista, critico letterario) e Bruno Ventavoli (giornalista, critico letterario). In questi mesi, i 400 studenti e studentesse che fanno parte delle Giurie…

Read More

Incontro in memoria di Elena Racca Bruno

Elena Racca Bruno Da Alice nel Paese delle Meraviglie ai Venerdì Letterari… Lunedì 11 marzo 2024 alle 18, nella Sala della Biblioteca del Circolo dei Lettori di Torino (via Bogino, 9), si terrà un incontro dedicato alla memoria di Elena Racca Bruno, attiva sostenitrice e membro del Comitato Scientifico della Fondazione Bottari Lattes. Grande collezionista delle traduzioni di Alice in tutte le lingue del mondo, Elena Racca, di Alice condivideva la curiosità senza limiti, il coraggio, la capacità di vivere ogni incontro senza pregiudizio. Non è un caso che Irma Antonetto l’avesse scelta per succederle alla guida dei Venerdì Letterari. Chi meglio di lei poteva farsi carico di quella politica culturale innovativa che dal 1947, per decenni, aveva visto passare qui a Torino grandi intellettuali / artisti / scrittori internazionali (Evgeni Evtuschenko, Susan Sontag, Predrag Matvejević, Albert Camus…) che partecipavano con entusiasmo a questa iniziativa? Elena sapeva accogliere persone di fama mondiale con leggerezza e con una gioiosità mai spenta dalle traversie della vita. In quest’incontro si vuole ricordare l’influsso che Elena ha saputo esercitare su molti protagonisti della vita culturale e artistica che, grazie alle sue iniziative e al suo charme, si incontravano e interagivano. La musica, la letteratura, la creatività nell’arte, nelle case, nei giardini, nelle relazioni umane… tante tessere di un’esistenza che noi qui vorremmo almeno sfiorare. Interverranno Maddalena Bumma, Fabrizio Pennacchietti, Marina Verna, Pompeo Vagliani Presidente della Fondazione Tancredi di Barolo e voci amiche con testimonianze e ricordi. Sarà presente Caterina Bottari Lattes, Presidente della Fondazione Bottari Lattes.

La lingua ispano-americana al centro della III edizione del Premio Mario Lattes per la Traduzione

SI APRE IL BANDO PER PARTECIPARE ALLA TERZA EDIZIONE DEL PREMIO MARIO LATTES PER LA TRADUZIONE Quest’anno il premio è dedicato alla lingua ispano-americana contemporanea. Iscrizioni aperte fino al 19 gennaio 2024.   Scarica QUI il bando “Il traduttore letterario è colui che mette in gioco tutto se stesso per tradurre l’intraducibile” Italo Calvino Al via la terza edizione del Premio biennale Mario Lattes per la Traduzione, l’iniziativa della Fondazione Bottari Lattes in collaborazione con l’Associazione Castello di Perno, che valorizza e mette in risalto il ruolo fondamentale del traduttore nella diffusione della letteratura a livello internazionale, figura-ponte tra popoli e culture differenti. Dopo l’esordio, che ha visto al centro la lingua araba, e l’edizione successiva dedicata al cinese, quest’anno protagonista del Premio sarà la lingua ispano-americana contemporanea. Il bando, in scadenza il 19 gennaio 2024 e scaricabile sul sito www.fondazionebottarilattes.it, è aperto alle opere di narrativa contemporanea tradotte ed edite in Italia nel 2022 e 2023. La traduzione non si risolve in una semplice trasposizione di parole da una lingua all’altra e nello spostamento un segno linguistico da un codice all’altro, ma è una disciplina che richiede di rendere al meglio quanto è scritto nella lingua di partenza senza tradire il testo originale: attraverso il Premio biennale Mario Lattes per la Traduzione, la Fondazione riconosce l’importanza dell’attività traduttiva e al tempo stesso promuove la conoscenza di culture e di autori meno noti al pubblico, incoraggiando la traduzione in italiano delle loro opere letterarie più significative. La selezione delle opere si articola in due fasi: in un primo momento la Giuria stabile, tenendo conto della capacità del traduttore di rendere in italiano la qualità letteraria del testo, individua i cinque romanzi finalisti. Successivamente, una Giuria specialistica esperta della lingua in oggetto, valuta a sua volta la cinquina, decretando il nome…

Read More


.


FONDAZIONE


La Fondazione Bottari Lattes è nata nel 2009 e nel 2010 ha inaugurato la propria sede a Monforte d’Alba all’interno di un edificio storico, già sede del vecchio municipio. A Torino è presente con lo spazio espositivo Don Chisciotte, sede di mostre d’arte e di incontri culturali. Scopo primario dell’istituzione è la promozione della cultura e dell’arte attraverso l’ampliamento della conoscenza del nome e della figura di Mario LattesScrittore e pittore originalissimo, Mario Lattes è stato un testimone lucido e anticonformista, artista di respiro internazionale cui va il merito della diffusione in Italia di pittori e autori stranieri di grande valore. La Fondazione non ha scopo di lucro, nel quadro delle finalità statutarie, dà luogo alle più diverse iniziative di studio e di ricerca culturale, curandole direttamente o in collaborazione con altri Enti o Istituzioni.

Tra le principali attività rientra l’organizzazione di mostre, del Premio Letterario Internazionale Lattes Grinzane, di convegni tematici, di progetti per le scuole e di concerti.

LEGGI PIÙ INFO

MARIO LATTES


Mario Lattes (Torino 1923-2001), pittore, scrittore ed editore, è stato un personaggio di spicco nel mondo culturale del capoluogo piemontese del secondo dopoguerra e del nostro passato prossimo. Ebreo laico, uomo solitario e complesso, la sua arte risente delle vicende e della psicologia di questo popolo: umorismo amaro e sarcastico, pessimismo e lontananza.
Artista dalla sensibilità meticcia e dal respiro davvero internazionale, Lattes ha innovato anche nel campo dell’editoria, facendosi promotore di nuovi autori e pubblicando riviste letterarie, “Galleria Arti e Lettere“, “Questioni“, e di settore, “Notizie Lattes“.



Questo contenuto non è visibile senza l'uso dei cookies.

Questo contenuto non è visibile senza l'uso dei cookies.

Utilizziamo  cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Leggi la nostra Cookie policy.
Clicca su "Accetta cookies" o continua la navigazione per consentirne l'utilizzo. Potrai in qualsiasi momento revocare il consenso usando il pulsante "Revoca consesno ai cookie" nel piede del sito.